L’anello pegno d’amore





Oggetto indiscusso del desiderio femminile, l’anello, come pegno d’amore, è sempre gradito e desiderato dalla donna. Le fedi nuziali rappresentano senza dubbio l’anello più importante sotto il profilo simbolico, ma anche l’anello di fidanzamento, quello della promessa di matrimonio, è molto significativo. Il solitario è per antonomasia un timeless cult, dotato, secondo trdizione, della straordinaria capacità di cementare le unioni e di unire due menti. Oltre al classico brillante, indiscusso e ambitissimo oggetto del desiderio, oggi anche altre forme e altri colori di diamante possono impreziosire un anello, donato magari su misura, alla donna del proprio cuore. Ad esempio, molto apprezzata la forma navette, quella a goccia, quella smeraldo o anche quella a cuore. I colori brown o champagne sono molto gradevoli e sempre più ricercati. Per chi vuole spendere di più, si propone un’incisione a laser sulla cintura del diamante, che può contenere un dolce segreto. Bulgari, Comete gioielli, Cartier, Recarlo, Tiffany e tanti altri, hanno delineato una linea di oggetti indirizzati allo scopo di saldare l’amore e di suggellare promesse. In oro bianco, rosa, giallo, in platino, con tanta lavorazione o molta semplicità, oggi tutto è possibile. Basta scegliere una gioielleria all’altezza delle aspettative.

Fedi Sposi

All’anulare della mano sinistra, proprio dove scorre la “vena dell’amore” che giunge direttamente al cuore viene indossata la fede nuziale, in oro giallo di diversa pezzatura se classica, può essere in oro bianco con o senza brillantino, in platino o bicolore.
Per il nostro imminente matrimonio io e la mia compagna abbiamo optato per una fede in formato bicolore, oro giallo su sfondo oro bianco (esiste anche la variante opposta), con piccolo brillantino centrale, la presenza del brillantino incide notevolmente sul costo complessivo (anche del 25% sul prezzo).
Girando per le varie gioiellerie ho notato una scarsa gamma di modelli di fedi, oltre alle classiche standard distinguibili in base al peso, esistono diversi set di fedi firmate in vari metalli o bicolore.
In un mio primo scorcio di vacanza  a Corfù in Grecia, ho notato nelle vetrine delle tantissime gioiellerie presenti nei vicoli di Kerkira una vasta gamma di fedi, mono e bicolore che sul mercato italiano non trovano spazio, trame particolari e fusione delle tonalità di oro.

Gioielli per il Matrimonio

Non essere eccessivi nel mostrare gioielli e pezzi unici conservati per una vita, la sposa deve avere le mani sgombre da anelli, devono ricevere un anello ben più importante. Un girocollo di perle non vistoso ed elegante che si abbini all’abito può essere indossato durante la cerimonia dalla sposa, orecchini di diamante e lasciate a casa l’orologio da polso.

Fedi Matrimonio

Mani in ordine per ricevere la “fede”, ovvero l’anello nuziale al quarto dito della mano sinistra, simbolo di completezza e di realizzazione di una persona. Le forme e le dimensioni sono limitate per tradizione, il materiale di solito oro giallo, può essere sostituito da oro bianco o rosso e platino (ultime tendenze), le forme più utilizzate sono “alla francesina” di tipo sottile e bombato; “alla Mantovana” più piatta; “a fascia” i bordi sono smussati. L’incisione della data e del nome del coniuge è d’obbligo. Scelte dagli sposi e acquistate dai testimoni, vengono portate all’altare poggiate sull’apposito cuscino portafedi da un paggetto al momento dello scambio.
Per chi non vuole sfigurare e non bada a spese ci sono le ultime fedi a 5 stele firmate Tiffany (nell’inconfondibile cofanetto verde acqua) con metalli preziosi e tempestate di diamanti, un acquisto destinato a durare una vita possibile anche online sul sito dell’azienda.

Le fedi nuziali col passare degli anni non perdono mai fascino, anzi lo acquistano sempre di più, vanno oltre il simbolismo della promessa di amore eterno degli sposi davanti a Dio; da sempre hanno rappresentato un oggetto del desiderio, oggi più che mai gli orafi hanno focalizzato la loro creatività su questo vero e proprio gioiello, le ultime tendenze hanno fatto apparire, nelle prime fiere dell’anno (Tutto Sposi a Napoli a Gennaio), fedi con fiori impreziosite da un diamante, zaffiro o rubino centrale, per gli sposi più giovani si fa spazio l’oro bianco, le fedi in oro giallo classiche restano comunque quelle più apprezzate dagli sposi (la tradizione in questo caso non viene scalfita dal tempo e dalle innovazioni).
L’aumento continuo del prezzo dell’oro ha portato a delle soluzioni convenienti, in qualche caso l’oro vecchio e in disuso viene portato all’orafo che sconta il valore dal prezzo delle fedi.
Resiste la tradizione che vede i testimoni come acquirenti delle fedi (in realtà dovrebbe essere lo sposo a farlo) su suggerimento degli sposi.

E’ diventato un must anche il regalo del “solitario” alla promessa di matrimonio, lo sposo chiede formalmente la mano della sua amata regalandole il giorno della promessa un anello in oro bianco con al centro incastonato in diamante di qualche decina di centesimo di carati; la promessa di matrimonio in alcune realtà della provincia sta assumendo un significato di un vero e proprio evento in piccola scala (mi è capitato ultimamente partecipare ad una festa di questo tipo con 70 invitati e un ricevimento fino a notte inoltrata).