Idee Partecipazioni Matrimonio





PARTECIPAZIONI
Esistono molte soluzioni nuove ed originali, che si accompagnano a quelle tradizionali e consuete. Secondo la tradizione, i genitori annuncerebbero le nozze dei propri figli, indicando il nome degli sposi, la data, l’ora e il luogo della cerimonia al centro del biglietto, e sotto la futura residenza, mentre a sinistra l’indirizzo dello sposo e a destra quello della sposa. E’ possibile, specie per gli over trenta, che gli sposi annuncino personalmente il matrimonio, per cui in alto a sinistra va indicato il nome dello sposo, in alto a destra quello della sposa. Al centro sempre data, ora e luogo della cerimonia, con successiva residenza. In basso sui due lati l’indirizzo dei rispettivi sposi.

Al proprio Matrimonio invitare gli ex

La regola fondamentale da rispettare nel deliberare se mandare l’invito o la partecipazione agli ex fidanzati o compagni, è quella di evitare inutili e spiacevoli gelosie. Creare imbarazzi e suscitare pettegolezzi e malcontento è davvero fuori luogo in un’occasione così importante, come la celebrazione del proprio matrimonio. Pertanto, se la relazione precedente si è chiusa in modo pacifico ed i rapporti sono rimasti amichevoli, nulla impedisce di invitare l’ex, che può presentarsi anche con il nuovo partner o tra amici, mai da solo. Altrimenti, l’etichetta richiede che l’ex non sia invitato, specie se il nuovo matrimonio è vissuto con delusione e sofferenza da chi, avendo subito il troncamento della storia precedente, in qualche modo, non ha superato la delusione. Se al matrimonio di William e Kate gli ex erano addirittura otto, questo vuol dire che la loro presenza non avrebbe recato problemi e non avrebbe violato il bon ton nella cerimonia.

Partecipazioni al Matrimonio

Esistono regole fondamentali di bon ton anche per quanto riguarda le partecipazioni. Innanzitutto, esse vanno stampate su cartoncino bianco o avorio, con caratteri in corsivo inglese, adottando la formula classica con cui sono i genitori ad annunciare il matrimonio. Oggi, le regole sono meno rigide. Spesso sono gli sposi, specie se ultratrentenni, ad annunciare il matrimonio. Si consideri che la scelta del tipo di partecipazioni non si basa solo sul gusto, ma anticipa in tutto il tipo di cerimonia che si sta per celebrare; è un biglietto da visita dell’intero matrimonio. Anche l’uso crescente di inviare via e mail le partecipazioni non è molto adeguata: ad esse deve seguire la partecipazione cartacea vera e propria. Se gli sposi sono amanti di internet, si consiglia, invece, di aprire un sito dove pubblicare on line foto e soprattutto informazioni utili sulla cerimonia, come lista nozze, data, orari, ecc. E così si può inserire nelle partecipazioni cartacee un foglietto in più, contenente l’indirizzo del sito. Solo per chi intende essere molto informale, va bene usare un video partecipazioni da mandare agli amici, o limitarsi ad inviti on line. Per chi intende attenersi al bon ton, oggi di tendenza sono il rosso ed il blu Provenza.Carta raffinata e lavorazioni pregiate sono indicate in questi casi. La busta in rosso o blu, il bianco sarà usato per il biglietto interno. Oppure il rosso ricorre solo ai bordi e nelle rifiniture. Così il blu. Una scelta più romantica, meno trendy, più tradizionale, può prevedere delicati colori pastello con lavorazioni in oro e rilievo, relativi a sobri disegni sul cartoncino, o ai nomi dei due sposi, posti in caratteri aurei su fondo pastello.

Invitati al Matrimonio

Comporre la lista degli invitati ….., mai operazione fu più difficile, un elenco continuamente in fermento, nomi che spariscono, disdette dell’ultimo momento.
Negli ultimi tempi le persone, parenti e amici, sembrano voler disperatamente sfuggire dai matrimoni, un fuggi fuggi generale, sarà per una questione economica, un regalo per chi non interveniene è più sbrigativo, sarà per mancanza di tempo o impegni vari, ma il dato è certo: tra il numero di invitati iniziale e quelli che effettivamente interverranno alla cerimonia vi è un crollo del 25%- 35%.
L’impatto emotivo sugli sposi è traumatico, una cerimonia con poche persone comporta necessariamente una connotazione negativa all’evento: 1)nessuno li ha pensati; 2)gli sposi non conoscono nessuno.
Tale riscontro fa parte del gioco dei preparativi, tanti soldi spesi per 4 gatti (meno male che i fotografi sono venuti in quattro); le persone che non intervengono sono capaci di inventare le scuse più varie: intervento chirurgico proprio o di qualche conoscente, altre cerimonie coincidenti, ricorrenze in quel periodo, vacanze prenotate in precedenza per le quali è stato già versato un anticipo del denaro, non disponibilità di ferie etc.
Il ristorante vi chiederà una settimana prima del ricevimento il numero minimo di persone che prenderanno parte al banchetto, minimo nel senso che voi pagherete per quel numero di persone, indipendentemente se saranno in meno, vi concede un margine di un 10% di persone in più (che pagherete chiaramente).

Partecipazioni al Matrimonio

 

Le partecipazioni vanno scelte con cura perché riflettono lo stile della coppia e devono fornire tutte le indicazioni utili agli invitati, ossia luoghi e data precisi. Cercando sul web si trovano sempre nuove idee. Nuove tendenze, nuove partecipazioni. E’ sempre più frequente il matrimonio in cui è il piccolo già nato ad annunciare il grande evento, con il bellissimo annuncio “mamma e papà si sposano”. Si usano oggi cartoncino avorio con iniziali e interno personalizzato, guest book nuvola e altro ancora  con grafica abbinata ai libretti nozze. Perciò non solo inviti classici, ma tanto di più e di originale.

Partecipazioni al Matrimonio

Una scelta errata potrebbe già preliminarmente creare dei pregiudizi; hanno il compito di ufficializzare il giorno, il luogo delle nozze, il luogo del ricevimento e i nominativi degli sposi. Possono essere spedite in busta per posta ordinaria, meglio se consegnate a mano dagli sposi o da parenti. Devono arrivare all’invitato almeno un mese rima della data delle nozze, dunque prepararsi per tempo. Partecipazione senza bigliettino di invito al ricevimento per persone a cui volete solo comunicare l’evento senza richiederne la presenza alla festa, ad es. si usa così nell’ambiente di lavoro.

Partecipazioni ed inviti

Carta e Caratteri delle partecipazioni
Le partecipazioni possono essere molto diverse tra di loro, le differenze riguardano il supporto cartaceo (carta “Amalfi”, carta moderna, carta ecologica riciclata, fatta a mano e altro), la linea grafica con il tipo di carattere da utilizzare (il prezzo può variare anche di un 15% se si sceglie un carattere tipograficamente poco complesso), eventuale presenza di rilievi (es fiori o figure che sporgono dal piano del foglio).
Queste tre variabili elencate concorrono al prezzo unitario in modo sostanziale