Ricevimento Nozze





La scelta del ricevimento è molto importante per dare un carattere alla propria festa di matrimonio e renderla unica e inimitabile. Le opzioni possibili sono tante. Ad un tradizionale ricevimento in una location elegante e raffinata, magari sul mare o immersi nella natura, si affianca la suggestiva scelta di un castello, dai tratti misteriosi e romantici, o di una villa antica, che danno alla cerimonia una singolare suggestione e donano un’atmosfera particolare. Il menù in questi casi sarà fatto di portate diverse ma non abbondanti, con cibi di stagione, ottimo vino e squisiti dolci a conclusione del banchetto. Di tendenza è anche scegliere una location su terrazza, con incantevole vista, da godere nella bella stagione, con abiti morbidi e poco formali e magari per un cocktail poco impegnativo, ma non certo poco originale. Anche una festa sulla spiaggia è di tendenza e si addice a nozze estive, a sposi giovani , a ore diurne del giorno e si combina ad un menù di mare, semplice e fresco, anticipato da gradevoli e eggerissimi antipasti. Proprio come gli abiti degli sposi, che potranno essere in tessuti morbidi e chiari e la donna porterà sandali aperti e fiorii tra i capelli. Insomma, la location va intonata al gusto dell’intero ricevimento, alla stagione, all’età degli sposi. Ad esempio, in inverno si consiglia un ricevimento intimo e caldo in un locale con suggestivo caminetto acceso ed atmosfere soffuse e delicate, con fiori di stagione sui tavoli e un personale accogliente e in tono al contesto. Il menù in questo caso sarà piuttosto ricco e diverse le portate, per riscaldare e creare un’atmosfera di piacevole convivialità. Anche il ricevimento in agriturismo è molto apprezzato, in quanto l’abbondanza dei cibi e delle portate, la genuinità e il contatto diretto con la natura rendono l’evento un momento di piacevole ed informale condivisione, con musica vivace e tanta partecipazione. Un ricevimento più insolito può svolgersi in un locale all’aperto, magari di mattino, con una sorta di colazione originale, succhi di frutta esotici,frutta in abbondanza, dolci leggeri e minicakes alla frutta; questo magari in estate o a fine primavera, per sposi alle seconde nozze o che scelgono un matrimonio solo civile.

Cosa portare in tavola

 

Menù della Festa

Menù della festa: non va ricercata più solo la bontà dei cibi, bensì l’originalità di combinarli e servirli. Pranzo, cena o all’americana? Si inizia con un buffet con la giusta coreografia e gli aperitivi di benvenuto. Una coppia attiva e dinamica oggi preferisce riunire amici e parenti in soluzioni alternative che prevedono un tenore informale e tempi più brevi. Si può optare per un menù ricco di portate oppure per uno caratterizzato da tre o quattro portate. Si può scegliere un semplice buffet oppure portate elegantemente servite da camerieri, la cui funzione è anche di versare il vino appena si svuota il bicchiere

Menù della festa

 

Menù della Festa

Per gli sposi ecco servito un menù: si propongono piatti originali e quantità moderate. Il gusto va esaltato con buoni vini e la scelta di aperitivi e dolci, da offrire anche all’esterno a buffet è molto importante. Ed invece della torta, ci sono anche le minicake.

Un esempio: Ricco Aperitivo e Antipasto di benvenuto Cocktail: Succo di arancia,Ananas,Pompelmo,Tropicale Coca Cola,Tè alla pesca,Prosecco Isola dei fritti caldi e specialità: Crocchette di patate, olive all’ascolana, Polpette agli spinaci,zucchine,cime di cavolfiori,carciofi. Pizzette calde vari gusti, misto di verdure, Torta rustica ai carciofi,canapè ai salumi, Ciambelle salate ****** Il servizio al tavolo prosegue all’interno
Antipasto (affettati misti,ciliegine di mozzarella,olive dolci,verdurine sott’olio) ***
Pappardelle con crema di funghi porcini Cannelloni imbottiti ****
Arista di maiale in salsa rosa Patate dorate Fagiolini burro *******
Torta o minicakes
Coppa di ananas al limoncello ****

Un altro esempio da condiderare:
Gran Buffet di Benvenuto : Golosità Sfiziose con Spumante, Cocktails Alcolici ed Analcolici alla Frutta
ANTIPASTI Riso con Code di Gambero e Zucchine Seppie in Salsa multiprofumi Filettini di Persico Marinati con Verdure all’Agro Mozzarella e Pomodoro alle Olive Verdure in Cestino di Sfoglia Salame e Pancetta Dolce Arrotolata
PRIMI PIATTI Risotto alla Pescatora al Basilico Bersaglieri al Radicchio e Crema
PIATTO DI MEZZO Filetto di Scorfano Patate alla Crema
SECONDI PIATTI Scamone Rosè alle Erbette Carotine Saltate
DESSERT Panna Cotta multigusto
Torta Nuziale

Allestimento tavoli ricevimento matrimonio

Gli invitati ad un banchetto iniziano a farsi un’idea di cosa li aspetta guardando l’allestimento dei tavoli, che pertanto vanno curati e apparecchiati in un certo modo. Per creare un insieme armonico, è opportuno che ci sia un tema o un accostamento di colori appropriato. E’ il caso che colori e tessuto siano scelti secondo il contesto, ed in genere i colori tenui come il bianco e l’avorio sono i più indicati in caso di banchetto nuziale. Il rosso è ammesso solo nel periodo prenatalizio, ma va smorzato con una composizione floreale sobria. Il numero delle posate varia secondo le portate e, per quanto riguarda l’ordine, a sinistra delle portate vanno le forchette, a destra vann i coltelli con le lame rivolte verso i piatti e segue eventualmente il cucchiaio da minestra. Sopra il piatto vanno le posate da frutta o da dessert. Per preservare un aspetto essenziale e pulito, le portate in aggiunta, in caso di menù molto ricco, si mettono dopo, solo quando servono. Ideali sono le portate in argento, mentre per quanto riguarda il sottopiatto, esso sarà in argento per una tavola elegante, in porcellana o vetro per una informale. Sul sottopiatto, che non deve mai essere tolto, va messo il piatto piano per il secondo, un altro per il primo subito sopra ed eventualmente uno per la zuppa ancora sopra. Il tovagliolo, a destra o a sinistra del piatto, va piegato a triangolo o a rettangolo e mai nel piatto. A tavola lo si pone a rettangolo sciolto sulle ginocchia ed è opportuno evitare di imprimervi tracce di rossetto. I bicchieri variano di numero secondo le bevande. Il primo a sinistra per l’acqua, poi quello per il vino rosso, segue quello per il vino bianco, infine quello per lo champagne. Il bicchiere non va mai riempito fino all’orlo e non vanno lasciate tracce di rossetto sul bordo. In alto a sinistra sopra le forchette va il piattino del pane, che sarà presente per tutta la durata del pranzo o della cena.

Mappa tavoli Matrimonio

Nella scelta delle postazione degli ospiti ai tavoli vanno considerate una serie di variabili condizionanti: età, grado di parentela, amici o colleghi, possibili argomenti di discussione, evitare contatti stretti tra persone che hanno dato segno di attrito in passato.
Vi consigliamo di procedere, partendo dal tavolo degli sposi che deve guardare tutta la sala, disponendo prima i parenti più stretti e poi via via allontanandosi fate diminuire il grado di parentela, fino ad arrivare agli amici e ai fotografi.
Questa è una disposizione classica che, se ben fatta tra parenti dello sposo e della sposa (es rispetto dei punti panoramici etc), non crea particolari malcontenti; chi invece vuole fare suo il proverbio “parenti serpenti” o tenere quanto più lontano occhi “malaguranti” può stravolgere tale disposizione: mette solo i genitori e fratelli in prossimità e poi si circonda subito di amici, infine, il resto dei parenti nell’angolo più remoto della sala.
E’ vero che il ricevimento potrebbe essere occasione per fare conoscenze (in passato erano così poche le occasioni che si aspettavano queste giornate per fare acchiappanze) tra single cronici, quindi un minimo di accortezza nel tenere conto di questa esigenza di alcuni, senza creare imbarazzi.
Evitate, se potete, di disporre allo stesso tavolo persone di diverse generazioni (12-20 anni di differenza), cultura e pensiero politico.

Menù Matrimonio

Nuove esperienze gastronomiche e portate originali rappresentano il menù sposi : ricette tradizionali ma rivisitate in chiave nuova, materie prime e ingredienti di grande pregio, ortaggi e carni di origine italiana, profumi gradevoli e sapori diversi e naturali sono le proposte per un menù nuziale. Si consiglia, ad esempio, un banchetto caratterizzato da richiami floreali romantici e delicati. Si può iniziare con asparagi circondati da piccole margherite e verdura odorosa; quindi ci sarà un rotolo di pasta fresca speziata ai fiori,; poi un timballo ai fiori di zucca e della frutta tagliata a fette tipo petali di rosa brinati. Ancora, con tanta verdura e profumi leggeri e naturali si propone come antipasto una trilogia di verdure diverse adornate; poi gambero alle spezie in pasta croccante; quindi può seguire dell’anatra con verdure; poi un dolce alle tre sfumature di cacao con fragole e rosmarino. Per un menù dai sapori vivi ed intensi si propone per primo una lasagna di tonno; per secondo della carne piemontese o del filetto con salsa alla soia; infine un dolce all’albicocca con lamponi a specchio sovrastato da uno stecco di biscotto al cioccolato. Sapori delicati o intensi, il menù  è basato su colori vivaci e carichi, che esprimono la gioia e la regalità di un banchetto principesco. Il menù può richiamare un tema o un ricordo: ad esempio se la sposa da bambina andava a pesca con suo padre e vuole evocare sapori e profumi di quel tempo, l’antipasto uno sgombro fresco e sfilettato condito con sale di Cervia ed olio ligure, esaltato da un’insalata di peperone rosso, finocchio, zucchine. Per chi ama i primi si consigliano paccheri con pomodorini ‘del pendolo’. Per un banchetto all’italiana si consiglia filetto di baccalà cotto a vapore accompagnato da peperoni friggitelli e salsa di pomodoro cotto al forno e salsa di prezzemolo. Dedicato all’amore e ai ricordi più cari, le tovaglie saranno in fine lino bianco, con porcellane di fine manifattura. La passione si esprime attraverso delicate nuances che scivolano nell’organza di seta dei tessuti e tra il rame dei segnaposto e i ricami delle tovaglie. Fiori e passiflore esprimono l’amore eterno. La tavola va preparata esaltando i cinque sensi, tra colori e profumi inebbrianti e superfici in legno e ceramica.

Dolci e minicake

Piccole e curatissime, le minicake sono l’ultima tendenza in fatto di dolci nuziali e rubano dettagli all’abito della sposa riproponendoli in modo davvero singolare. La torta a piani resta bella, ma non basta. Quando si organizza un banchetto nuziale, molto importante è la cosiddetta sweet table. Si tratta di una moda inglese, per cui si allestiscono a fine banchetto deliziosi dolcini a tema, originali e particolari. Al pasticcere si può fare ogni genere di richiesta: dolci bianchi come neve con crema al burro e frutti bianchi; zuccotti con crema di cioccolata decorati; minitorte a porzione singola con fiori fatti a mano, che si mischiano a quelli veri immancabilmente presenti sul tavolo; tortine con foglie innevate, realizzate con alchengher; cupcake total wight con ciliegina sovrastante ripieno alla mela e con cioccolato bianco esterno; biscotti di frolla al limone con perline argentate, monoporzioni a frutta con crema al burro, uva e ribes; biscottini glassati e decorati, magari da regalare in sacchettini agli ospiti.

Wedding candy table

Il giorno del matrimonio è davvero unico ed irripetibile e bisogna dare spazio alla fantasia e cogliere le ultime novità in fatto di allestimento e banchetto. Dall’America arriva il wedding candy table, che consiste in simpatiche decorazioni fatte con caramelle, lecca lecca e dolcetti vari, che rallegrano le tavole degli ospiti. Anche segnaposto avranno forma di ciliegie, bonbon altro del genere, da disporre in colori diversi secondo il sesso degli invitati. Il nuovo catering prevede piatti piccoli e gustosi, finger food, piatti al cucchiaio, microporzioni di primo e bocconcini di carne o pesce, serviti in piattini mignon o comode vaschette. Anche per il dolce, si propongono gelatine al cucchiaio, microtortine, piccoli dolcetti colorati e gustosi. Bicchieri con cannucce, ombrellini, ghiaccioli colorati, piccole palme e frutta esotica completano le delizie di un banchetto davvero singolare.

 

Dolci Matrimonio

Siamo ormai giunti al dolce, la torta nuziale ancora integra, a termine della cerimonia, viene portata nella sala e sarà compito degli sposi il primo taglio; è un momento molto atteso e la forma e le decorazioni sono molto importanti. La realizzazione della torta può essere affidata ad una persona di fiducia o concordata con il locale della cerimonia. Passata di moda la millefoglie spesso si sceglie una torta con panna e frutti di bosco, può essere classica o a più piani, meglio se dispari

Come Cercare il Ristorante per il Matrimonio – Ricevimento

 

Scegliete un locale che sia vicino alla chiesa dove celebrerete le nozze, l’ideale sarebbe poter parcheggiare le auto degli ospiti nel ristorante e accedere a piedi in chiesa. Fate attenzione ai tempi di percorrenza degli invitati per giungere nel luogo prescelto (ricordate che comunque ci sarà un nutrito gruppetto di ospiti che si lamenterà di qualcosa – è praticamente impossibile accontentare tutti su tutto), quando andate presso i locali fatevi guidare nella sala con i tavoli, visitate eventuali spazi messi a disposizione per gli ospiti (terrazze per buffet di dolci e buffet di aperitivi), guardate lo stato di conservazione delle sedie e dei tavoli, chiedete quanti matrimoni abitualmente si svolgono in una giornata (optate per quelli che non ne fanno più di uno), spesso si regala agli sposi la prima notte presso lo stesso hotel del ricevimento, informatevi degli extra (musica e animazione), chiedete in merito ai tempi massimi di permanenza nel locale (alcuni non consentono di stare oltre la mezzanotte), informatevi sulle porzioni e sui tempi del servizio e numero di camerieri.

 

Gli addobbi devono essere compresi nel prezzo unitario per ospite, per una cena con buffet di aperitivi, due primi, un secondo di pesce con contorno e torta nuziale il prezzo si aggira (anche in funzione del posto) sui 75€.