Matrimonio Religione Ebraiaca


Prima sposarsi e poi procreare, è per gli Ebrei una sorta di dovere che ricade sulla coppia che si unisce in matrimonio, responsabilità che ricade sull’uomo in primis e poi sulla donna.
Cerimonia celebrata in un luogo aperto dal Rabbino che traccia i segni caratteriali della coppia enfatizzando peculiari caratteristiche (questo permette alle persone presenti alla cerimonia di conoscere entrambi gli sposi).
Tutta la cerimonia è contraddistinta da vari rituali: es la sposa compie sette (simbolo di completezza e totalità) giri intorno allo sposo per rappresentare la costruzione dei muri della nuova casa che li ospiterà.
Finita la cerimonia è lo sposo ad infrangere e rompere un bicchiere (rappresenta la distruzione del tempio di Gerusalemme e/o la cacciata degli spiriti indemoniati); guai seri per lo sposo che non riesce a rompere al primo colpo il bicchiere, il destino gli riserva una completa sottomissione alla novella sposa.
A termine della cerimoiia la coppia è consacrata e perdonata a tutti gli effetti (qui si coglie la differenza sostanziale con il rito Cristiano), gli sposi vengono consacrati e santificati.
Ricordiamo che la religione ebraica è stata la prima a consentire il divorzio religioso per la coppia che non riesce più a proseguire il cammino scelto insieme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *